Cornerstoneacademy.us

Cornerstoneacademy.us

Obbligo registro carico e scarico rifiuti

Posted on Author Vudorn Posted in Autisti

Obbligo di tenuta e compilazione: Sono obbligati alla compilazione e tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti: gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti​. Quanto agli adempimenti amministrativi ed in particolare alla tenuta del registro di carico e scarico, i soggetti che producono rifiuti non pericolosi di cui all'art. dall'obbligo di tenuta di un registro di carico e scarico gli imprenditori agricoli di. L'obbligo della tenuta del registro di carico e scarico dei rifiuti previsto è disciplinato dall'art. del cornerstoneacademy.us /, come sostituito dal cornerstoneacademy.us Lgs. / nella parte quarta. Chi deve tenere il Registro di Carico e Scarico Rifiuti (art. )?. Hanno l'obbligo di.

Nome: obbligo registro carico e scarico rifiuti
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 33.77 MB

Dove tenere il registro dei rifiuti Dove tenere il registro dei rifiuti Dettagli Scritto da Dott. Gli obblighi relativi ai registri, infatti, non si esauriscono nel loro acquisto e nella loro compilazione e nemmeno nella loro vidimazione, ma includono anche la loro tenuta in luoghi ben precisi che il legislatore ha individuato con sufficiente chiarezza.

Eppure le imprese si espongono in molti casi a rischi sanzionatori. Il luogo di conservazione secondo la normativa La normativa stabilisce che i Registri di Carico e Scarico Rifiuti devono essere tenuti e conservati presso ogni impianto o unità locale ove avviene effettivamente la produzione, lo stoccaggio, il recupero o lo smaltimento dei rifiuti oppure presso la sede legale per i trasportatori, i commercianti e gli intermediari.

Si ritiene che la disposizione indicata, invece, non possa che riferirsi esclusivamente alle società di servizi delle organizzazioni di categoria e non a studi di consulenza o società terze.

Orbene in virtù della previsione di gestione dei registri secondo le procedure e le modalità fissate dalla normativa sui registri IVA, qualcuno ha ritenuto che fosse possibile conservare i registri presso soggetti terzi, previa relativa dichiarazione di presa in carico.

Le imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi; Le imprese e gli enti produttori di rifiuti non pericolosi derivanti da: Lavorazioni industriali; Lavorazioni artigianali; Attività di recupero allegato C alla parte IV del D.

I registri di carico e scarico prima di poter essere utilizzati devono essere registrati nel registro IVA. Prima di poter iniziare ad annotare le operazioni di carico e scarico o di intermediazione di rifiuti è obbligatorio vidimare i registri presso le Camere di Commercio territorialmente competenti.

Inoltre è obbligatorio compilare il frontespizio del registro prima della vidimazione.

Come si individua la Camera di Commercio territorialmente competente? I registri di carico e scarico possono essere tenuti con modalità informatiche a condizione di rispettare la frequenza delle annotazioni stabilite dalla normativa. I registri di carico e scarico sono composti da righe in genere 2 o 3 per foglio e da colonne.

Ogni riga deve essere utilizzata per singola operazione di carico o di scarico e per singolo codice CER. Le imprese e gli intermediari che commerciano rifiuti. Tutti i vari registri di carico e scarico rifiuti devono essere non solo numerati, ma anche oggetto di vidimazione e devono essere controllati e organizzati seguendo delle specifiche procedure che vengono stabilite da parte della normativa che riguarda i registri IVA.

Le operazioni di numerazione e vidimazione devono essere svolte da parte delle Camere di commercio che ne hanno la competenza per via territoriale.

Prima di poter essere usato, il registro di carico e scarico rifiuti deve ricevere apposita vidimazione da parte della Camera di Commercio competente territorialmente. Come è fatto questo registro Il registro di carico e scarico rifiuti si caratterizza per essere costituito da una prima pagina in cui devono essere immessi tutti i dati più importanti legati a chi produce i rifiuti.

Sempre nello stesso modulo, ma più in basso, va inserito anche lo stato fisico del rifiuto.


Ultimi articoli